DM 10.3.2006 Approvazione del nuovo ricettario “a ricalco” per la prescrizione dei farmaci di cui alla tabella II sezione A e allallegato III-bis al DPR 309/1990 come modificato dalla Legge 49/2006.

Con decreto in data 10.3.2006, il Ministro della Salute ha approvato il nuovo ricettario a ricalco per la prescrizione dei medicinali stupefacenti di cui alla tabella II, sezione A e allallegato III-bis. Il decreto entrer in vigore il 15 aprile 2006. Ecomunque consentito luso del vecchio ricettario a ricalco finch non saranno stampati e distribuiti i nuovi ricettari a ricalco. Non sar invece pi consentito luso del ricettario a madre-figlia.

 

Si segnala che con decreto 10.3.2006, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 76 del 31.3.2006, il Ministro della Salute ha approvato il nuovo ricettario a ricalco per la prescrizione dei farmaci di cui alla tabella II, sezione A e allallegato III-bis del DPR 309/1990 come modificato dalla Legge 49/2006.

 

Il decreto in oggetto entrer in vigore il 15 aprile 2006.

 

Il nuovo ricettario a ricalco sostituisce i precedenti ricettari a ricalco approvati con DM 24.5.2001 e con DM 4.4.2003. Nel periodo di tempo necessario alla stampa e alla distribuzione del nuovo ricettario a ricalco i medici e i veterinari sono comunque autorizzati ad usare il vecchio ricettario a ricalco, fino ad esaurimento delle scorte.

 


In ogni caso, anche qualora sia utilizzato il vecchio ricettario a ricalco, per le prescrizioni dovranno essere rispettate le norme duso riportate nel nuovo ricettario a ricalco (All. 1).

Rispetto alle norme duso contenute nel vecchio ricettario a ricalco si evidenziano le seguenti novit:

− per le prescrizioni in regime SSN il medico deve rilasciare allassistito la ricetta   originale e la copia per il SSN da consegnare in farmacia; la copia assistito/prescrittore consegnata allassistito che la conserva come giustificativo del possesso dei medicinali.

− per le prescrizioni in regime privato o veterinarie, il medico o il veterinario rilascia la ricetta originale e la copia assistito/prescrittore.

− in caso di approvvigionamento mediante autoprescrizione (peraltro consentita esclusivamente per i medicinali di cui allallegato III-bis per uso professionale urgente) il medico o il veterinario conserva la copia assistito/prescrittore della ricetta.

 

Restano naturalmente fermi i limiti prescrittivi previsti dallart. 43 del DPR 309/1990 come modificato dalla Legge 49/2006, in base al quale la prescrizione pu comprendere un solo medicinale per una cura di durata non superiore a trenta giorni, mentre per i medicinali di cui allallegato III-bis la prescrizione pu comprendere fino a due medicinali diversi tra loro o uno stesso medicinale con due dosaggi differenti per una cura di durata non superiore a trenta giorni.

 

Dal 15 aprile 2006 non sar pi utilizzabile il ricettario a madre-figlia.

 

A tale proposito, questa Federazione ha posto un quesito al Ministero della Salute ritenendo che il farmacista possa spedire lecitamente le ricette redatte con ricettario a madre-figlia in data anteriore al 15 aprile 2006 ancorch tale spedizione avvenga successivamente a tale data ma sempre entro lordinario periodo di validit di trenta giorni della ricetta.

 

Allegato 1

 

 

 

Top